Scheda 342
Il regolamento 561/2006/CE stabilisce che il periodo massimo di guida settimanale è di quarantotto ore Il regolamento 561/2006/CE si applica ad alcuni trasporti su strada effettuati fra l'Unione Europea e i Paesi dello Spazio economico europeo Sul display del cronotachigrafo digitale, il simbolo in figura indica il soggetto "officina" La carta tachigrafica del conducente è rilasciata dal comune di residenza dell'autista Il conducente che viaggia su un veicolo dotato di cronotachigrafo analogico deve, al termine del viaggio, riportare sul foglio di registrazione il numero di chilometri percorsi I veicoli adibiti al trasporto di cose con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t devono essere equipaggiati con strisce retroriflettenti di tipo omologato di colore rosso o giallo se posteriori Il segnale raffigurato prescrive di fare attenzione al transito di veicoli che trasportano esplosivo Il segnale raffigurato deve essere rispettato anche dai conducenti di autobus In presenza del segnale raffigurato, il conducente deve prestare attenzione a non avvicinarsi troppo alla banchina perché, essendo alla guida di un veicolo con baricentro alto, potrebbe rischiare di ribaltarsi Per rinnovare il certificato di formazione professionale ADR occorre seguire un corso di formazione, senza obbligo di sostenere un esame finale Durante le operazioni di traino in situazioni di emergenza, il collegamento tra i due veicoli può avvenire solo a condizione che il veicolo trainante sia munito di gancio di traino omologato Nel caso di ingombro della carreggiata per caduta accidentale del carico, il conducente deve evitare di spostarlo per consentire la ricostruzione corretta dell'accaduto Quando si monta la ruota di scorta non bisogna serrare i dadi a fondo, per non danneggiarne il filetto Il rallentatore idraulico è posto tra la coppia conica ed i semiassi Nel rallentatore elettromagnetico, lo statore è fissato al piantone dello sterzo mentre i dischi del rotore sono calettati sull'albero primario del cambio Il limite di massa complessiva a pieno carico per i veicoli a motore isolati dipende dal tipo di pneumatici di cui è dotato il veicolo Per garantire una miglior visibilità diretta della strada è necessario oscurare completamente i finestrini laterali destri quando il sole tramonta da quel lato Una cisterna monoscomparto è particolarmente instabile quando il suo riempimento è circa il 50/60% del volume totale Il modulatore di pressione in funzione del carico è montato direttamente sull'assale Le ralle con rivestimento in teflon necessitano di un ingrassaggio settimanale Le fasi di funzionamento di un motore a quattro tempi sono: aspirazione, compressione, scoppio (o combustione) e scarico I motori turbocompressi consentono di recuperare parte dell'energia che va normalmente dispersa attraverso i gas di scarico In uscita dal cambio di velocità può talvolta trovarsi il rallentatore Le candele dei motori Diesel devono essere più resistenti al calore di quelle dei motori a scoppio, a causa della maggior temperatura di funzionamento del motore A seguito della rottura della cinghia della distribuzione, il motore non viene più raffreddato adeguatamente L'olio della lubrificazione deve essere cambiato periodicamente in base ai chilometri percorsi e alle indicazioni del costruttore del veicolo Lo pneumatico deve essere il più rigido possibile L'eccessiva pressione di gonfiaggio di uno pneumatico ne aumenta la flessibilità Durante la stagione fredda, lo pneumatico deve essere fatto scaldare alcuni minuti prima della partenza Il battistrada deve garantire un idoneo drenaggio dell'acqua eventualmente presente sulla strada E' parte del freno a tamburo, un'asta con puntale a cuneo che, spinta da una membrana, permette di schiacciare le ganasce contro i tamburi generando attrito L'impianto di frenatura pneumatico integrale o quello pneumoidraulico, sono divisi in più sezioni indipendenti, una per le ruote anteriori, una per quelle posteriori ed eventualmente una per il rimorchio Sugli autoveicoli dotati di frenatura pneumatica e sospensioni a balestra, il modulatore di frenata in funzione del carico è normalmente fissato al telaio del veicolo Il simbolo raffigurato è posto sulla spia di freno di stazionamento inserito L'inefficienza degli ammortizzatori aumenta il pericolo di abbagliamento dei conducenti provenienti dalla direzione opposta a causa dell'oscillazione del fascio luminoso dei proiettori In caso di scarsa pressione dell'aria dei serbatoi dell'impianto frenante, è opportuno agire ripetutamente sul pedale del freno per far salire la pressione La legge stabilisce che le riparazioni all'impianto elettrico non rientrano tra le attività di autoriparazione da eseguire solo presso officine autorizzate Il conducente deve firmare la carta di circolazione dopo la revisione periodica Per ridurre al massimo i problemi di manutenzione, il conducente deve provare a riparare subito qualunque possibile difetto o anomalia riscontrata durante il suo turno di lavoro Per evitare lo spostamento del carico durante la marcia del veicolo è indispensabile agire su sterzo, freni ed acceleratore con gradualità
figura 808 figura 73 figura 77 figura 23 figura 698
40:00